Domande e risposte su "Domotica By-me / By-me Antintrusione"

Domande frequenti (FAQ)

Per trovare risposte ai suoi dubbi, selezioni la categoria o cerchi direttamente nel motore di ricerca

È possibile associare la stessa parzializzazione a più organi di inserimento?

Sì, è possibile associare la stessa parzializzazione a più dispositivi di inserimento così da poter azionare da più punti determinate zone del sistema.

Quante Parzializzazioni possono essere create su un impianto antintrusiomne By-me?

È possibile creare fino ad un massimo di 9 parzializzazioni.

Cos’è una Parzializzazione?

La Parzializzazione è un raggruppamento di una o più zone SAI che debbono attivarsi/disattivarsi assieme a seguito di un comando inviato da un dispositivo di inserimento (centrale, inseritore, tastierino, telecomando). In fase di configurazione è possibile associare parzializzazioni diverse ai diversi dispositivi di inserimento.

Quando attivo il SAI da inseritore noto che le parzializzazioni ad esso associate vengono disinserite e devo ripassare la ch ...

E’ un fatto normale che dipende dalla gestione dei messaggi di attivazione/disattivazione insita nella centrale : per questo è importante inserire le zone SAI degli inseritori nella relativa parzializzazione con criterio, specialmente quando tale parzializzazione viene associata a più dispositivi-inseritori o codici centrale/tastierino. Il fatto che un dispositivo-inseritore ( quindi anche una interfaccia RF o un lettore a transponder da Controllo Accessi ) invii alle sue parzializzazioni associate un messaggio di attivazione o disattivazione, dipende dallo stato della sua zona-RF nel momento in cui il cliente agisce : se tale zona era già attiva perché la sua parzializzazione era stata precedentemente inserita da un altro inseritore, la centrale rileva che la zona dell’inseritore è ATTIVA e quindi invia alle sue parzializzazioni un messaggio di DISATTIVAZIONE. Questo accade quindi anche se il cliente era intenzionato ad inserirle perché non si era accorto che la zona ( e quindi la relativa parzializzazione ) dove è configurato l’inseritore era già attiva : ecco perché ripassando la chiave transponder una seconda volta la zona dell’inseritore risulterà disattiva alla centrale, e questa ora inserirà le parzializzazioni .

Quando provo ad attivare le parzializzazioni associate al mio inseritore o dalla mia chiave speciale o della mia interfaccia ...

Accertarsi che la zona relativa all’inseritore o alla chiave speciale o all’interfaccia RF sia inserita in una delle parzializzazioni associate (se è una sola ovviamente deve contenere la zona con il dispositivo di inserimento). Esempio 1: se l’inseritore A è inserito nella zona 7 e si vuole che esso attivi la parzializzazione “cucina”, la zona 7 deve essere obbligatoriamente inserita nella parzializzazione “cucina”. Esempio 2: se l’inseritore A è inserito nella zona 7 e si vuole che esso attivi le parzializzazioni “cucina”, “soggiorno” e “bagno”, è necessario che la zona 7 sia inserita in una delle succitate parzializzazioni.

ATTENZIONE: TALE VINCOLO NON è PREVISTO PER L’INSERIMENTO DELLE PARZIALIZZAZIONI ATTRAVERSO I CODICI DEL TASTIERINO ( BASTA CHE LA ZONA RELATIVA A QUESTO DISPOSITIVO VENGA ASSOCIATA AD UNA PARZIALIZZAZIONE QUALSIASI ) NONCHE’ PER GLI INSERIMENTI DA CENTRALE, IN QUANTO, NATURALMENTE, LA CENTRALE NON VA INSERITA IN ALCUNA ZONA E QUINDI IN NESSUNA PARZIALIZZAZIONE .

Ho aggiornato il SW della centrale alla versione 2.00, ma non riesco a creare nuovi utenti nel menù IMPOSTAZIONI – GESTIONE ...

L’aggiornamento del software della centrale alla versione 2.00 va tassativamente effettuato utilizzando il software Easy Tool aggiornato alla versione 3.1 o successive, che contiene tutti gli aggiornamenti atti alla gestione dei nuovi menù . in questo caso è sufficiente importare il database della centrale con Easy Tool 3.1 o successivo, esportarlo su file SELEZIONANDOLA VERSIONE “DATABASE db1”, poi reimpostare quest’ultimo database dal file ed esportarlo sulla centrale ( verrà riconvertito automaticamente in versione “db 2”; questa doppia procedura consente al PC di aggiornare tutte le pagine dei menù importandole dal file di database, e poi esportarle correttamente in centrale .

Ho aggiornato la centrale By-me dalla 1.1x alla 2.00, e ora non riesco più ad attivare l’antifurto.

La versione 2.00 (e successive) cambia in modo radicale il funzionamneto del sistema antintrusione inserendo il concetto di parzializzazione. Nel momento in cui si va ad eseguire l’aggiornamento, la centrale non permette l'inserimento del SAI perchè mancano alcune nuove informazioni come: parzializzaioni presenti (insiemi di zone SAI) e associazione parzializzazioni ai vari dispositivi di inserimento.

Solo dopo aver inserito questi paramentri il sistema antintrusione riprenderà a funzionare in modo corretto.

La centrale non mi consente di attivare l’anti intrusione motivando con un pop-up che dice “la parzializzazione non è comple ...

1) Controllare che non siano presenti gruppi (zone) “vuoti” nella configurazione, ovvero che non contengono alcun dispositivo.

2) Se sono presenti zone in cui sono registrati SOLO ED ESCLUSIVAMENTE telecomandi per interfaccia RF esse vanno cancellate ( i telecomandi non vanno poi riconfigurati, in quanto in realtà la centrale li salva in una zona mascherata che non è compresa nelle 31 visibili all’installatore )

3) Controllare che tutte le zone siano state associate ad una parzializzazione, senza alcuna eccezione (anche quelle con solo gli inseritori o i tastierini, nonché quelle che contengono dispositivi RF)

In quante parzializzazioni è possibile inserire la stessa zona?

Una Zona può essere inserita in una sola parzializzazione. Sarà quindi necessario individuare quali ambienti dovranno essere presenti in più parzializzazione e gestirli in modo autonomo.

Quante parzializzazione posso creare?

Il numero massimo di parzializzazioni realizzabili sono 9.

In breve riassumiamo il processo configurazione del sistema antiintrusione ?

Innanzitutto bisogna creare le varie zone SAI dal menù di configurazione della centrale, e configurarvi i vari dispositivi. Dal menù principale si entra nella pagina dedicata al SAI e si seleziona il menù SETUP, andando a creare le nuove parzializzazioni: ad ognuna andrà dato un proprio nome e andranno associate una o più zone SAI. Fatto ciò,sempre dal menù delle Parzializzazioni, si andranno ad associare quelle appena create ai vari punti di inserimento ( inseritori, utenti, codici-tastierino, ecc ).

NOTA: nel SAI non dovranno esserci zone prive di dispositivi, e tutte le zone dovranno essere inserite in una parzializzazione ( una zona si può associare ad una sola parzializzazione ).

Per associare le parzializzazioni ai punti di inserimento mi basta gestire le chiavi, come nel vecchio sistema?

No, ora la logica è cambiata. È necessario, una volta create le zone, creare delle “parzializzazioni” le quali non sono altro che “insiemi di zone”; naturalmente ciascuna parzializzazione racchiude in se le zone che, in un particolare punto di inserimento per un particolare utente, dovranno attivarsi o disattivarsi assieme (es. la donna delle pulizie potrà attivare e disattivare solo le zone inserite nella sua parzializzazione). Una volta realizzate le varie parzializzazioni sarà necessario associarle ai vari punti di inserimento o ai codici del tastierino. . E’ possibile associare anche più di una parzializzazione ad un inseritore, ad un utente-centrale, ecc ( ad esempio si potrebbe creare una parzializzazione “Perimetrale”, una “Infrarossi piano terra” ed una “Infrarossi primo piano”, contenenti ognuna più zone SAI ) .

Le barriere infrarossi ( art. 01832 ) si possono collegare e alimentare attraverso l’interfaccia a 12 Volt (20491 e simili) ?

No, necessitano di un’alimentazione dedicata tramite alimentatore 01830 in quanto assorbono più dei 10 mA erogabili dall’interfaccia ( che invece può alimentare entro questi assorbimenti ad esempio dei PIR di altre marche )

È possibile aggiornare una centrale SAI da due moduli (art.20480/14480 e simili) per renderla compatibile con i nuovi prodotti?

No, non è possibile, è necessario acquistare una nuova centrale

I nuovi dispositivi del SAI, sono installabili su By-me con versione software precedente alla 2.00, o su centrali SAI da 2 modul

Solamente l’ interfaccia contatti a due ingressi indipendenti ( 20490 e simili ), e la sirena da esterno 01806 saranno compatibili con tali versioni.

La sirena 01806 è configurabile in caso di manutenzione di un impianto al posto della sirena da esterno 01805 ?

Si, e la centrale le passerà i parametri di default delle sirene 01805 solo che le nuove sirene 01806 non hanno il tamper antischiuma presente sulle 01805.

Un ingresso della nuova interfaccia contatti a due ingressi indipendenti (20490, 14490, 16940) può funzionare anche come Tas ...

Si, entrambe gli ingressi sono configurabili nella sezione automazioni, sia in uno o più gruppi ( max. 4 gruppi ) che in alternativa come tasto di attivazione di uno scenario ( max. uno scenario )

I contatti magnetici/tecnici/tapparelle collegati ai due ingressi dell’interfaccia contatti a due ingressi indipendenti ( 20 ...

Sono contatti puliti e non vano alimentati.

Quanti metri di cavo posso collegare ad ogni singolo ingresso dell’interfaccia contatti a due ingressi indipendenti ( 20490, ...

È possibile collegare max. 30 metri di cavo di andata verso il contatto magnetico ed altri 30 metri di ritorno : in totale la tratta del collegamento su ogniingresso non deve superare i 30+30 = 60 metri di filo. È buona norma far passare i fili su canalette separate per evitare possibili disturbi iniettati per induzione da cavi in tensione.

Le interfacce contatti a due ingressi indipendenti ( 20490,14490,16940 ) danno la possibilità di configurare i due ing ...

No, i due ingressi vanno configurati nella stessa zona. È possibile collegare ad esempio all’ingresso

  • un sensore per allarmi tecnici ( settandone l’opportuno parametro come da istruzioni ) ed all’ingresso
  • un contatto magnetico, ma entrambe saranno associati alla stessa zona SAI.

È possibile invece decidere di configurare i due ingressi in zone del menù Automazioni totalmente differenti ( ognuno è configurabile in max. 4 zone automazioni + 1 zona SAI ) : l’esempio classico è il collegamento all’ingresso

  • un roller per tapparelle, e all’ingresso
  • un contatto magnetico della finestra, per poter proteggere tapparelle e finestra ad impianto SAI inserito.

Per poter permettere uno stop del riscaldamento della stanza se la finestra è aperta quando quella zona SAI risulta essere disattiva ( configurando quindi l’ingresso-2 nella relativa zona climatica ).

Si può agire sul SAI attraverso la centrale By-me?

Si dalla centrale By-me è possibile inserire e disinserire il SAI in quanto viene direttamente gestito dalla centrale, assieme alla domotica del sistema Automazioni

Durante un allarme la sirena da esterno 01806 lampeggia ma non emette alcun suono, perché ?

Verificare la carica della batteria (o le impostazioni dei suoni).

Posso far funzionare nel SAI un comunicatore GSM 01941 o 01942 ?

Si, è sufficiente collegare al bus l’interfaccia GSM 01848 del comunicatore 01941, o il morsetto “BUS +-“ dello 01942 ed in automatico rileveranno i messaggi di allarme SAI o TECNICI che circoleranno nel bus .

Come posso sapere in quale zona è stato un dispositivo che ho appena identificato ?

E’ sufficiente entrare nella voce “Parametri” del menù di Configurazione/Gestione Dispositivi della centrale e basta scorrere la lista dei dispositivi ( ordinati per zona di appartenenza ) fino ad individuare quello con l’indirizzo che interessa. Poi si può uscire dal menù senza dover per forza modificarne i parametri .

Come posso resettare un dispositivo ?

Bisogna entrare per 3 secondi in “Aggiunta dispositivi in zona 1” e poi premere ESC; a quel punto si hanno a disposizione circa 40 sec. Per resettare i dispositivi ( premendo e rilasciando dopo 1 sec. Il loro tasto di configurazione, per poi ripremerlo e rilasciarlo solo ad avvenuto spegnimento del led rosso di configurazione Per il 16935, 14485, 20485 non è necessario rilasciare il tasto). Scaduti i 40 secondi va ripetuto il tutto per passare ad altri dispositivi. L’unico dispositivo non resettabile è la sirena da esterno 01805 . In seguito ad un reset i dispositivi non funzioneranno più nel SAI e cambieranno il loro indirizzo interno ( è necessario quindi rimuoverli dalla zona dove erano configurati, in quanto restano comunque memorizzati nella lista-dispositivi centrale col vecchio indirizzo ) .

Posso usare gli infrarossi dell’impianto SAI (PIR) per comandare luci se il SAI è disattivo ?

Si, a seconda dei casi:

  • Se il SAI è interfacciato ad una centrale Convimar (20510-16950-14510); prima va configurato nel SAI, e poi nel menù di configurazione della centrale.
  • Se il SAI è interfacciato ad una centrale By-me (21550-20550-14550), prima va configurato nel SAI e poi in max. altri 4 gruppi della sezione automazioni del By-me.

E’ possibile far commutare un relè per gestire un combinatore telefonico generico o attivare altri apparati?

Sì, dal menù Antintrusione/SetUp/Gestione Messaggi della centrale è possibile inviare un comando in zone dove si sono previsti degli attuatori a relè per le commutazioni meccaniche. I messaggi gestibili da questo menù sono: Inserimento/Disinserimento del SAI, segnalazione Allarmi Intrusione, Allarme Tamper, Mancanza Rete Elettrica e Batteria bassa.

È possibile avere degli allarmi Antipanico ?

Si, tramite le Interfacce Contatti e le Interfacce Radiofrequenza; in zone comprese tra la 1 e la 30 si può far commutare un Attuatore a Relè del SAI configurato nella stessa zona senza far suonare le sirene, configurandole nella zona 31 invece è possibile far suonare le sirene ( vedere istruzioni del SAI ) .

E’ possibile cambiare i parametri dei dispositivi, per modificarne sensibilità o funzionamento ?

Sì, lo si fa agevolmente agendo nell’apposito menù della centrale, una volta che il dispositivo è stato configurato.

Quante zone SAI si possono configurare in una centrale ?

La centrale accetta un massimo di 60 dispositivi programmabili su 30 zone distinte che possono essere attivate secondo necessità mediante la creazione di differenti parzializzazioni (9 max). In ogni zona si possono configurare più dispositvi con diverse funzioni. La zona 31 è riservata alla configurazione di sirene e backup.

Cosa sono le "Chiavi MASTER" e cosa le \"Chiavi SLAVE\", e le Chiavi Speciali "AI Master" ed "AI Slave" ?

Le Chiavi MASTER vengono configurate su un solo inseritore e poi la centrale fa si che funzionino su tutti gli Inseritori/Lettori a Transponder del sistema, mentre le Chiavi SLAVE funzionano solo negli Inseritori/Lettori a Transponder a cui vengono associate ( anche su più lettori/inseritori ). Ogni inseritore/Lettore può memorizzare al massimo 4 Chiavi SLAVE, mentre nell’intero sistema SAI possono essere configurate max. 24 chiavi MASTER . Le Chiavi Speciali "AI Master" ed "AI Slave" sono l’equivalente delle Chiavi SAI e Chiavi SLAVE, solo che sono state configurate nei Lettori a Transponder per il Controllo Accessi ( art. 14470/ 16470/20470 ) ?

E’ possibile utilizzare come inseritore del SAI il Lettore a Transponder del Sistema Di Controllo Accessi ( art. 14470/ 1647 ...

Sì, ma innanzitutto gli vanno associate le chiavi seguendole istruzioni del Controllo Accessi che si trovano all’interno del suo imballo, poi va configurato il Lettore nel SAI della centrale ed infine gli vanno riconfigurate nuovamente le chiavi a transponder dal menù della centrale ( che riporta come tipologia di chiavi configurabili anche quelle per i lettori di Controllo Accessi ) . Attenzione che all’inizio la chiave che verrà utilizzata passandola 4 volte sul lettore per iniziare la configurazione come da istruzioni del Controllo Accessi poi NON potrà essere configurata nel SAI . Anche per questo lettore ci potranno essere nel SAI delle Chiavi-Master (o Chiavi-SAI) e max. 4 Chiavi-Slave (o Chiavi-Speciali) . A funzionamento normale se si utilizza la chiave Slave, per inserire l’impianto da un Lettore di questo tipo bisogna prima premere per 1 sec. Il tastino di configurazione e poi passare la chiave, per disinserire è sufficiente passare la chiave Slave . Per Chiavi Master (o chiavi normali) invece non occorre premere il tastino in inserimento dell’impianto SAI .

E’ possibile inserire il sistema SAI dalla centrale?

Si, eventualmente previa digitazione delle password Utente o Installatore .

Posso attivare uno scenario nella centrale Convimar in seguito ad un allarme nella centrale SAI ?

Si, vedi la FAQ di dialogo tra centrale SAI e centrale Convimar

Una centrale SAI 2 moduli può dialogare con altre centrali By-me ( 20550+01960) ?

No, non possono dialogare

Una centrale SAI può dialogare con altre centrali convimar?

Si, ma con solo 1 centrale. I due bus saranno separati da un Accoppiatore di Linea ( Router 01845 ), ed è possibile attivare dei gruppi o scenari della parte Convimar in seguito ad inserimento/disinserimento/allarme del SAI . è possibile anche inserire/disinserire il SAI dalla centrale Convimar .

Quante linee-bus antintrusione può gestire una centrale ?

Può gestire 1 sola linea antintrusione.

Quanti dispositivi gestisce una centrale ?

Una centrale gestisce fino a 60 dispositivi antintrusione, tutti collegati sulla stessa linea di bus della centrale.

Una centrale gestisce fino a 194 dispositivi automazione, collegati su almeno due linea bus automazioni distinte (max 128 dispositivi per linea).

Come si comporta il sistema antintrusione in caso di guasto di un singolo dispositivo?

L’impianto entra in condizione di "Allarme tamper" (manomissione).

In centrale compare il messaggio specifico di "Allarme tamper. Dispositivo non risponde o mancanza dispositivo" indicando il tipo di prodotto guasto e la zona in cui risulta configurato.

E’ possibile configurare il By-me SAI con un PC?

Sì, è possibile configurare il sistema By-me antintrusione e Automazione con il Software Easytool Professional. Ma per il funzionamento è indispensabile la presenza della centrale.

Che cavo si deve utilizzare per il SAI?

Per i collegamenti utilizzare il doppino twistato e inguainato Vimar cod. 01840 (2x0,5 mm², tensione nominale di isolamento 300/500 V, SENZA CALZA ). Se non si utilizza un cavo adatto ed avente le stesse caratteristiche elettriche, è molto probabile avere malfunzionamenti gravi e di vario tipo sia in configurazione sia nel funzionamento del sistema.

Il bus è polarizzato?

Si è necessario rispettare le polarità in fase di cablaggio

Durante un allarme la sirena da esterno 01805/01806 lampeggia ma non emette alcun sono, perché ?

Verificare la carica della batteria.

Posso comandare un combinatore telefonico non Vimar dal SAI ?

Si, basta collegare l’uscita di un Attuatore a Relè del SAI configurato nel sistema è possibile comandare un combinatore che abbia un ingresso per contatto pulito, agendo poi sul menù Gestione Messaggi della voce Setup ( nella pagina del SAI ) per selezionare l’evento del SAI che deve attivare il relè

E’ possibile identificare un dispositivo configurato, per verificarne l’indirizzo o la zona dove è configurato?

Si, esiste il menù di Identificazione Dispositivi che riporta la zona SAI di appartenenza

Cosa sono le “Chiavi SAI” e cosa le “Chiavi Speciali”, Le “Chiavi Controllo Accessi CA” e le “Chiavi Speciali Controllo Acce ...

Le Chiavi SAI vengono configurate in un solo inseritore poi la centrale fa si che funzionino su tutti gli Inseritori/Lettori a Transponder del sistema. Le Chiavi Speciali funzionano solo negli Inseritori/Lettori a Transponder a cui vengono associate ( anche su più lettori/inseritori ). Ogni inseritore/Lettore può memorizzare al massimo 4 Chiavi Speciali, mentre nell’intero sistema SAI possono essere configurate max. 24 chiavi SAI . Le “Chiavi Controllo Accessi CA” e le “Chiavi Speciali Controllo Accessi CA” sono l’equivalente delle Chiavi SAI e Chiavi Speciali, solo che sono state configurate nei Lettori a Transponder per il Controllo Accessi (art. 14470/ 16470/20470).

E’ possibile parzializzare il SAI ?

Si, la parzializzazione è differenziabile a seconda che il SAI venga inserito da una chiave a transponder piuttosto che da un'altra sullo stesso inseritore, oppure differenziandola da un punto di inserimento all’altro della casa ( associando differenti zone di inserimento ai vari Inseritori a Transponder, alle varie Interfacce Radiofrequenza coi telecomandi, o alla centrale stessa con differenti password ) . E’ possibile pure disinserire parzialmente allo stesso modo il SAI.

E’ possibile inserire una password? E’ possibile inserire il sistema SAI dalla centrale?

Come descritto nelle FAQ del By-me, ci possono essere max. 20 password abilitabili alla gestione del SAI e per ognuna si può avere un inserimento parzializzato differente .

Come si comporta il sistema in caso di guasto della centrale?

L’impianto si allarma per condizione presunta di Allarme Watchdog.

Il resto dell’impianto continua a funzionare regolarmente ( gruppi e scenari richiamati da tasto ). Attraverso il menù “Diagnostica” posso provvedere a sostituire la centrale difettosa, in questo caso i singoli dispositivi trasferiranno alla centrale la loro configurazione.

E’ possibile configurare il SAI con un PC?

Sì, per eseguire l'operazione di configurazione del sistema By-me attraverso un PC è necessario acquistare l'interfaccia 01993 e scaricare il software EasyToolProfessional.

E’ necessaria l’unità di backup ? Quante ne posso utilizzare?

Si, è necessaria almeno una Back-up nel sistema antintrusione fino ad uin massimo di 2 per sistema + 2 unità ausiliaria portabatterie (una per Back-Up). Il numero di back-up va definito in base al consumo dei dispositivi in campo e alle distanze di cavo tra i dispositivi e le unità stesse.

Ricordiamo che tra due unità di back-up sono richiesti almeno 40 metri di cavo bus (con dispositivi collegati) e ogni unità deve essere abbinata ad un alimentatore 01801.

Come funziona il Sistema di Antintrusione SAI By-me?

I dispositivi sono tutti collegati in parallelo su un apposito bus alimentato e filtrato a 29 Vdc dall’unità di backup che funge pure da Sirena da interno. In centrale si possono associare i dispositivi distribuendoli in 31 zone differenti (anche più dispositivi per zona). Una zona potrebbe ad esempio essere associata ad una stanza, ed in fase di Attivazione dell’impianto si può decidere zona per zona se i dispositivi di appartenenza devono segnalare l’allarme o no. Tale parzializzazione è differenziabile a seconda che il SAI venga inserito da una chiave a transponder piuttosto che da un'altra sullo stesso inseritore, oppure differenziandola da un punto di inserimento all’altro della casa ( associando differenti zone di inserimento ai vari Inseritori a Transponder, alle varie Interfacce Radiofrequenza coi telecomandi o alla centrale stessa ) . E’ possibile far commutare dei relè appositi nei vari casi di allarme: Intrusione, Manomissione (Tamper), Tecnici, antipanico, ecc .

Quanti contatti per tapparelle posso gestire con una singola interfaccia contatti?

Massimo due e la lunghezza massima del cavo non deve essere superiore a 10 m.

E' possibile avere una segnalazione acustica quando l'impianto viene inserito o disinserito?

Si questa funzione è attivabile da centrale sull' unità di back-up ed è disponibile anche utilizzando il lettore a transponder 16470 Idea e 14470 Plana che alloggia al suo interno un buzzer (questa funzione si abilita direttamente dalla centrale con versione software 3.00 e superiori).

Esistono alternative al transponder per l'inserimento dell'impianto antintrusione via bus?

Si, può essere usato il telecomando radio 01819 abbinato all'interfaccia radio, oppure il lettore di smart card 16471, 14471. Questo tipo di funzione è attiva con versione software della centrale 3.00 e superiore.

 

E' possibile installare nello stesso impianto antintrusione componenti via radio e via bus?

Si, è possibile integrando nel sistema antintrusione l'interfaccia radio 16943, 14493 che consente di far comunicare il sistema bus con alcuni componenti del sistema radio. Questo tipo di funzione è attiva con versione software della centrale 3.00 e superiore.

La presenza di piccoli animali domestici quali cani o gatti può essere rilevata dai rivelatori ad infrarossi art. 16935 Idea 144

Si, in quanto il sensore non è selettivo, ma rileva qualsiasi passaggio di corpi caldi; ciò implica che ad impianto inserito non devono essere lasciati all'interno dell'abitazione animali domestici.

Nel caso in cui si debba aggiungere un componente, è necessario riprogrammare tutto l'impianto?

No è sufficiente accedere, attraverso la centrale, alla funzione "Aggiunta\" e far identificare il componente premendo il tasto frontale dello stesso.

Nel caso in cui si debba eliminare un componente, è necessario riprogrammare tutto l'impianto?

No è sufficiente rimuovere da centrale, attraverso la funzione "Rimozione\", il componente da eliminare e quindi scollegarlo fisicamente dall'impianto.

Per impostare dei ritardi, è necessario ritardare tutta la zona o è possibile ritardare il singolo componente?

Attraverso l'impostazione dei parametri dalla centrale, è possibile ritardare il singolo dispositivo (es. Rivelatore I.R. o interfaccia contatti per il controllo perimetrale).

In quante zone può essere suddiviso l'impianto antintrusione via bus?

L'impianto antintrusione può essere suddiviso in 30 zone distinte e liberamente parzializzabili.

Quali devono essere le caratteristiche del cavo del sistema antintrusione Vimar via bus?

Doppino telefonico twistato ed inguainato diametro minimo 0.6 mm conforme alle norme CEI 46-5. Vimar ha a catalogo l'articolo 01840: è un cavo che presenta le caratteristiche sopra richieste e consente, data la tensione nominale di esercizio di 300/500 V, di essere utilizzato in canalizzazioni comuni con la rete elettrica. Viene fornito in matasse da 100 m.

Posso usare gli attuatori a relè dell’impianto SAI collegate al sistema by-me?

Non è possibile collegare questi attuatori su un bus di automazioni, ma solo quelli appartenenti al sistema by-me

Posso interfacciare nel By-me l’Automazioni con il SAI?

Sì, la centrale riesce a configurare e gestire entrambe i sistemi. L'impianto dovrà prevedere due linee bus, linea Antintrusione (denominato Area 0 Linea 0) dove verrà installata la centrale e i dispositivi del SAI e linea automazione (Area 1 linea 0). La comunicazione tra i due rami avverrà attraverso i dispositivo Router 01845 rispettando il collegamento dei morsetti: BUS 1 linea bus antintrusione e BUS 2 linea di bus automazioni .

Ho più utenti registrati in centrale ed abilitati alla gestione del SAI, ma riesco lo stesso ad inserirlo/disinserirlo senza ...

Se si vogliono differenziare gli inserimenti del SAI a seconda degli utenti, bisogna togliere i diritti di accesso al SAI dell'utente "Ospite", dal menù Impostazioni .

E’ possibile inserire il SAI dalla centrale By-me in modo differente, a seconda della password-utente che riutilizza entrand ...

Si, per tutti i 20 utenti selezionabili è possibile gestire una differente parzializzazione del SAI nel caso in cui vadano ad inserire il sistema antintrusione digitando la propria password in centrale. Se però anche l'utente "Ospite" è abilitato all'utilizzo del SAI, entrando nel menù SAI non verrà richiesta la password ( in quanto la centrale sa che l'utente generico che agisce in centrale dopo il logout automatico può gestire senza password quel menù ), non sarà possibile questa funzione. E' quindi necessario in questo caso escludere la gestione del SAI dai diritti di accesso dell'utente "Ospite" .

E’ possibile inserire una password nella centrale antintrusione?

Sì, è possibile inserire fino a 19 password per un totale di 20 utenti diversi: uno di questi infatti è denominato "Ospite" che solitamente risulta privo di permessi per i menù di impostazioni e configurazione e che si attiva in automatico dopo un periodo di inattività (2min circa) della centrale By-me. Il primo utente che viene generato con la messa in servizio della centrale è l’Amministratore, questo ha la piena gestione di tutti gli utenti della centrale potendo quindi crearli, decidere i permessi sulle diverse funzioni, password, ecc.

 

Se ho più centrali By-me interfacciate tra loro su bus differenti, quante possono gestire il ramo antintrusione ?

Solo una centrale By-me, quella inizializzata in Area 00 e Linea 00, mentre le altre che devono tassativamente avere indirizzi di Area e Linea differenti non possono di conseguenza configurare dispositivi SAI (la linea SAI è tassativamente quella con indirizzo Area 00 Linea 00, ed in una linea di bus ci può stare una sola centrale )

Ho configurato tempo fà la centrale By-me in un sistema senza linea antifurto ed ora devo implementarlo. E' possibile?

Se la centrale è stata inizializzata con indirizzo Area e Linea differenti da Area 00/Linea00, per aggiungere la linea SAI è necessario resettare la centrale e tutti i dispositivi già configurati.

L'impianto quindi va riconfigurato completamente inizializzando la centrale By-me con Area 00 e Linea 00; la stessa dovrà essere collegata sulla linea antintrusione e sarà necessario aggiungere un router art.01845 per generare la linea luce Area 01/Linea00.

Cosa accade in un sistema By-me in caso di guasto dell’alimentatore?

Il sistema By-me automazione si spegne. Nel caso in cui la centrale sia collegata sul bus antintrusione, centrale e dispositivi resteranno alimentati grazie alla presenza dell'unità di back-up fino al raggiungimento del livello di tensione minimo delle batterie che ne consente il funzionamento ( poi l'unità di back-up scollega le batterie per proteggerle evitando di scaricarle completamente, una volta che si è arrivati al di sotto della tensione minima di funzionamento dell'impianto ).

È quindi buona norma prevedere un secondo alimentatore da collegare in caso d'emergenza.

Come collego il Router ( accoppiatore di linea ) se la centrale è posizionata sul bus del SAI ?

Il router fa da filtro per i messaggi nei 2 bus ad esso collegati, facendo passare solo quelli voluti. Allo stesso tempo separa elettricamente i 2 bus, pertanto ognuno necessiterà di un proprio alimentatore 01801. Nel caso in cui sia presente il SAI la centrale deve tassativamente essere collegata al bus del SAI, il quale verrà collegato al morsetto BUS 1 del router. Al morsetto BUS 2 andrà collegato il bus dei dispositivi Automazioni ( tapparelle, relè, ecc ) .